Lorenzo Capolupi nasce a Massa Marittima il 24 Dicembre 1969 e vive a Follonica dove lavora nel settore Nautico. Persona riservata, sensibile e autentica. Le sue grandi passioni sono da sempre la meccanica, la tecnologia, l’informatica e una continua e incessante voglia di sapere… in tutto ciò che si cimenta niente è scontato! Cresce a stretto contatto con il nonno paterno, che gli tramanda la passione della ripresa e della fotografia. Inizia così la sua fame di conoscenza tecnologica, dapprima con la cinepresa Superotto, per scoprire successivamente la macchina fotografica. I suoi primi scatti li fa con Miranda Sensorex, passa poi a Contax 139 Quartz, Nikon F3, Nikon f90 fino ad arrivare alla macchina digitale, rimanendo però fedele a Nikon. All’età di 13 anni, inizia a stampare da solo le sue foto, allestendo una piccola camera oscura nella cantina della casa dei suoi genitori, ed asciugando le sue “prime foto” con il phon. La sua passione cresce così forte che quando frequenta il liceo, i suoi professori, gli allestiscono una camera oscura a scuola. Era lì che passava tutte le ore di educazione tecnica e non solo! Una passione rimasta invariata nel tempo, che lo affascina ogni volta che guarda attraverso il mirino.“E’ come estraniarsi dal mondo esterno e racchiudere in un fotogramma emozioni luci e colori. 

La scoperta per la fotografia di luoghi abbandonati nasce nel 2009, quando quasi per gioco, decide di avventurarsi all'interno dell'ospedale psichiatrico di Volterra. L'emozione di trovarsi in un luogo così segnato da fatti drammatici, la sua architettura maestosa , il silenzio, l'oscurità generano il desiderio immediato di fotografare per congelare quelle sensazioni.

Quel desiderio diventerà sempre più forte fino a diventare più di una semplice passione.



Copyright © All rights reserved.
Using Format